categorie

Filtra le notizie che più ti interessano

News

Accademia

Accademia Le pratiche della fiducia

In questo tempo diverso che stiamo vivendo, che abbiamo imparato come fragile e incerto di futuro possibile, il riconoscere e il custodire la fiducia quale sapere fecondo che abbiamo ricevuto diventa pratica quotidiana di trasformazione, sapienza operosa di bene possibile, da sempre femminile e materna.

Perché la fiducia, trama delicata (e tenace) di vita tessuta e ritessuta di continuo nel nostro quotidiano, è fiato che viene da lontano, capace di contattare uno spazio continuamente presente. Fare fiducia è il nostro tornare a casa, il nostro tornare ogni volta e sempre un po' di più a casa...

Curatrice: Carla Gianotti

Le donne pensano | Forma Mentis

Le donne pensano | Forma Mentis

Nonostante le donne siano state protagoniste della storia dell’umanità, i curricola scolastici superiori, le bibliografie e i manuali, anche universitari, di nuovo, si presentano caratterizzati dalla loro assenza. È necessario e doveroso, perciò, riportare al centro degli studi e della formazione di adolescenti e dei loro insegnanti, la consapevolezza che le “donne pensano” a tutto campo e in ogni campo, rintracciando i contributi originali che hanno lasciato, riscoprendo alcune protagoniste della storia della cultura.

In collaborazione con il Comune di Ravenna, la Scuola di Alta Formazione Donne di Governo organizza una terza Accademia della Maestria femminile, all'interno del progetto formativo triennale per insegnanti della scuola secondaria di secondo grado, genitori, studenti e cittadinanza:

Le donne pensano| Forma Mentis

Relatrice: Annarosa Buttarelli, filosofa e ditrettrice scientifica della Scuola di Alta Fromazione Donne di Governo
In presenza: Sala Buzzi (32 posti), viale Berlinguer, 11 - Ravenna /Online: piattforma Zoom
Iscrizioni a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Laura Lepetit, foto di Maria Mulas

È morta Laura Lepetit, editrice storica milanese

Era a Festivaletteratura quando uscì “Una femminista distratta” che l'avevo obbligata a scrivere. Fra un po' uscirà un altro librino in cui ha voluto che le scrivessi una nota. Non aggiungo altro: sono una di famiglia, più ancora che amica. Le voglio molto bene, per sempre.

Recitano così le parole commosse di Annarosa Buttarelli, direttrice scientifica della Scuola di Alta Formazione Donne di Governo, alla notizia della scomparsa di Laura Lepetit, editrice milanese, storica amica della filosofa.

Un mondo senza madri - I materiali del convegno

Un mondo senza madri - I materiali del convegno

Il 3 luglio si è tenuto il convegno Un mondo senza madri, presso la Sala delle Colonne della Galleria Nazionale di Arte Moderna a Roma.
Ecco i video dei diversi interventi che si sono susseguiti.

La neolingua. Verso l'Accademia "Le parole che curano"

La neolingua. Verso l'Accademia "Le parole che curano"

L'uso degli acronimi di cui il vocabolario politico, ma anche dell'informazione, si va ormai riempiendo ci riporta alle lucide analisi di George Orwell su gli usi e gli abusi del linguaggio, e su quella che chiamò la neolingua, sintomo di un potere totalitario che si afferma anche attraverso la “pulizia del linguaggio”, lo svuotamento di significato e l'uso di acronimi. Così si esprime in 1984, primo romanzo distopico scritto nel 1948:

La nostra pinacoteca. Il tempo breve di Paula Modersohn Becker

La nostra pinacoteca. Il tempo breve di Paula Modersohn Becker

Ecco la quinta puntata della rubrica di approfondimenti sull'arte "La nostra pinacoteca" a cura di Francesca Mellone che vuole rivelare il contributo di alcune artiste nellab storia dell'arte e dell'immaginario estetico.

Il tempo breve di Paula Modersohn Becker

“Ché la capivi tu, la pienezza dei frutti. / Becker/
e così vedevi i bimbi, dall'interno /
spinti nelle forme del loro esistere. /
E vedevi te stessa infine come un frutto…”

Segantini Le madri

3 Luglio. Un mondo senza madri?

La maternità negli ultimi cinquant'anni ha cambiato volto. Da destino naturale legato all'identificazione della donna con la madre si è mutata in una libera facoltà. Da ruolo socialmente definito è divenuta una scelta privata. Da evento puramente fisiologico è diventata sempre più parte integrante di processi di medicalizzazione. Da processo naturale si è trasformata in fatto programmabile e costruibile nei laboratori attraverso le tecnologie riproduttive che favoriscono la separazione della maternità dal progetto di genitorialità. E soprattutto le giovani generazioni di donne sembrano non coltivarne il desiderio.

Accademia

Accademia Le parole che curano

Il 24 giugno alle ore 17.00 Annarosa Buttarelli dialogherà con Rosella Prezzo, presentando l'Accademia Le parole che curano dal titolo:

Vademecum nei tempi bui

Attraversare il linguaggio
si puo scegliere

16 Giugno. Si può scegliere. Soffrire al lavoro non è una fatalità

La Fondazione Scuola di Alta Formazione Donne di Governo in collaborazione con la Libreria delle donne è orgogliosa di prsentare il volume

Si può scegliere. Soffrire al lavoro non è una fatalità
di Christophe Dejours,
Moretti &Vitali 2021

Ricevi tutti gli
aggiornamenti!

È possibile annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento nel footer delle nostre mail. Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing. Cliccando per iscriverti, accetti che le tue informazioni saranno trasferite a Mailchimp per l'elaborazione. Scopri di più sulle pratiche sulla privacy di Mailchimp.

Scuola Alta Formazione Donne di Governo


L'unica istituzione femminile dedicata a una nuova formazione, che offre a tutti e a tutte la possibilità di realizzare un cambio di civiltà nei vari aspetti del cammino umano: scuola, cultura, economia, famiglie, arti, scienze.

Seguici su