fbpx
Che brutti ricordi tornano in mente con la politica del "terzo figlio"

Che brutti ricordi tornano in mente con la politica del "terzo figlio"

di Annarosa Buttarelli, pubblicato su "Lo Specchio" di domenica 29 Maggio 2022 - La Stampa

Il tema della cosiddetta “denatalità italiana " si presenta all'opinione pubblica come un piatto molto ghiotto su cui avventarsi di corsa. Vediamo i commensali con forchetta e coltello branditi per l'occasione: aziende farmaceutiche multinazionali, adoratori del PIL, gruppi religiosi con inclinazioni misogine, specialisti del mainstream, affamati vari delle emergenze nazionali da far lievitare, chi è a secco di notizie allarmanti delle guerre, ormai digerite, ecc.

Si vedono numerose iniziative fiorire qui e là in cui ci si occupa, con la fronte aggrottata, della “grave" situazione delle scarse nascite autoctone che fanno prevedere povertà di manodopera giovanile, e il declino di un paese sempre più vecchio e depresso. Si dà lo sconcertante caso che, in mezzo a tutto questo, si sia buttato a capofitto, quasi da crociato, l'incredibile segretario del PD, Enrico Letta, e l'improbabile Calenda, i quali hanno partecipato a un incontro pubblico – "Si può fare: politica" – all'interno della cornice dei sedicenti “stati generali sulla denatalità". Per capirci, riporto qui una solenne dichiarazione dell'incredibile Letta: “Il terzo figlio è un obiettivo Paese. Dobbiamo (sic!) fare tre figli per coppia (proprie tutte le coppie? Ma non era transgender, il PD?). Questo è il primo obiettivo per combattere la crisi demografica". Non sto scherzando, ha proprio detto così.

Troppo ghiotto il business, e ormai troppo vasta l'ignoranza compiaciuta perché si vedano le folle alzarsi indignate per il gravissimo insulto alle donne, oltretutto scagliato dal segretario di un partito che una volta era di sinistra e si nutriva di ben altro: si nutriva del sostegno delle femministe e delle donne in piena evoluzione mentale, culturale e sociale. Tocca ancora una volta alle donne di buon senso e alle donne pensanti, alle femministe libere e radicate nella differenza del proprio sesso, richiamare l'attenzione sull'ennesimo sconcertante attacco misogino che viene, sempre più di frequente, dalle gerarchie di quella parte politica che sì è ridotta a rappresentare solamente l'anima più bieca del neoliberismo (per favore, si legga Nancy Fraser, Il vecchio muore e il nuovo non può nascere). Proprio per l'ignoranza storica dilagante, bisogna richiamare il sapore mussoliniano (che vergogna che appaia alla mente!) delle parole del segretario del PD che, per amor di Patria, pone l'obbiettivo-Paese dell'obbligo del terzo figlio per coppia.

Quanto verrà pagato alle famiglie (quali?) che si adegueranno? Durante il fascismo, la ricompensa era di 5 lire a figlio, ma poi c'era un'agevolazione di 15 lire se il figlio (maschio, ovvio), veniva chiamato con il nome di un gerarca… Le donne come incubatrici, ancora una volta oggi 2022, della rinascita della Patria, come collaborazioniste della ragion di Stato, come uteri vaganti in cerca di inseminazione, se non fosse che sono proprio i maschi a scarseggiare in potenza riproduttiva, con i loro spermatozoi sempre più stanchi e sempre meno numerosi.

Ma no, invece di occuparsi del welfare quasi estinto, invece di occuparsi di fare la pace, invece di fare autocoscienza maschile sulla crudeltà che dopo millenni si presenta tale e quale, invece di studiare i testi dell'autodeterminazione delle donne, invece di tornare a considerare la giustizia sociale il cuore della politica, invece di far diventare cittadini italiani quelli e quelle che nascono qui, invece di rendere appetibile l'adozione delle decine di migliaia di bambini e bambine che rimangono il core business degli istituti che li ospitano, invece… invece…, ecco che vengono richiamati i battaglioni di donne a fare figli per la Patria. Per favore, vi prego voi donne del PD, leggete e fate leggere al vostro segretario il libro di Barbara Duden, ll corpo della donna come luogo pubblico. Pensavamo, noi femministe storiche, che potesse essere archiviato come un classico della liberazione delle donne ma invece torna ad essere un libro di formazione, necessario e urgente, drammatico e sempre più attuale.




Potrebbero interessarti anche:

Ricevi tutti gli
aggiornamenti!

È possibile annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento nel footer delle nostre mail. Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing. Cliccando per iscriverti, accetti che le tue informazioni saranno trasferite a Mailchimp per l'elaborazione. Scopri di più sulle pratiche sulla privacy di Mailchimp.

Scuola Alta Formazione Donne di Governo


L'unica istituzione femminile dedicata a una nuova formazione, che offre a tutti e a tutte la possibilità di realizzare un cambio di civiltà nei vari aspetti del cammino umano: scuola, cultura, economia, famiglie, arti, scienze.

Seguici su