fbpx

Novità Storica

Le donne votano meno degli uomini. Il rischio è la "società delle estranee"

Le donne votano meno degli uomini. Il rischio è la "società delle estranee"

di Annarosa Buttarelli, direttrice scientifica della Scuola di Alta Formazione Donne di Governo pubblicato su "Lo Specchio" de La Stampa il 25 settembre 2022

Nel mondo occidentale il tema dell’astensionismo dal votare è, sempre più, un tema “caldo”, anche perché si pone come un’arma a doppio taglio: se da un lato può essere inteso come un grave segnale indirizzato agli schieramenti in competizione elettorale, dall’altro lato può essere un inteso come un vulnus alla democrazia, poiché offre vantaggi non intenzionali alle maggioranze che si costituiscono nel dopo-elezioni.

In Italia, in questo frangente elettorale, l’astensionismo non è mai stato considerato un comportamento troppo pericoloso, se non in occasioni referendarie. Ma stavolta il tema è diventato virale, sia perché si gioca una partita politica molto importante per il futuro del Paese, sia perché anche in questo caso hanno preso la scena le donne, le quali, anche qui, hanno fatto il sorpasso, secondo le proiezioni statistiche: l’astensionismo femminile potrebbe essere al 5% in più di quello maschile. Come mai? Il fenomeno sarebbe strano perché si è visto che nel mondo, dove c’è il suffragio universale, sono le donne a correre a votare in massa (vedi gli stati del nord-Africa, del sud-Africa, ad esempio; le precedenti elezioni in Cile, ecc.) per esprimere la volontà di cambiare il regime o per confermarlo se è sotto minaccia. La situazione italiana è accostabile a questo dilemma e perciò ci si aspetterebbe una mobilitazione elettorale femminile degna della gravità del momento.

Se le donne non votano. Incontro sull'astensionismo femminile

Se le donne non votano. Incontro sull'astensionismo femminile

«Quando nei prossimi anni sarà entrato nel novero delle cose normali e pacifiche l’esercizio del voto femminile, ripensando alla fatica che si è fatta per stimolare e orientare favorevolmente sulla questione uomini di governo, opinione pubblica e attenzione femminile e maschile, ci verrà da ridere»

La novità storica: l'autorevolezza delle donne di governo necessaria per il mondo

La novità storica: l'autorevolezza delle donne di governo necessaria per il mondo

Le donne nella campagna elettorale sono presenti come candidate con rappresentanza garantita dalle quote di lista rispettate ai nastri di partenza, studiate a tavolino e potenzialmente a rischio se il seggio non è blindato. Fra le tante assurdità democratiche di questo sistema elettorale, anche le garanzie di genere saranno compromesse.

Ecco "La novità storica" delle donne

Ecco "La novità storica" delle donne

di Maria Antonietta Filippini, pubblicato su La Gazzetta di Mantova, domenica 4 settembre 2022

La Novità storica, si chiama così la Rete delle Donne di Governo, nata in primavera e che ora si rivolge a tutte le candidate al Parlamento. Un nome che sa di fierezza ed esclude in partenza il vittimismo a favore di un “diamoci da fare, sicure e determinate”. L'idea è nata da Annarosa Buttarelli, la filosofa mantovana che ha dato vita alla Scuola di Alta Formazione Donne di Governo, già attiva in tutta Italia, dopo essere stata tra i fondatori del Festivaletteratura.

Lettera alle candidate, alle segretarie di partito, alle portavoce, alle coordinatrici

Lettera alle candidate, alle segretarie di partito, alle portavoce, alle coordinatrici

Impazza una campagna elettorale che più sconclusionata di così non si può, e vi è la possibilità che, per l'ennesima volta, paghino il prezzo le candidate, le sostenitrici, le femministe di vari raggruppamenti. Bisogna fare un passo a lato, per vederci chiaro e non aggiungere confusione a confusione, e anche un passo avanti per cercare di alzare il livello delle attese, senza fare precocemente programmi di governo.

È quello che stanno facendo le componenti della rete “La Novità Storica”, tra cui ci sono candidate e donne di governo. La lettera che leggerete sta diffondendosi e inizia a cambiare le carte in tavola poiché propone una delle poche cose sensate e realistiche in questo difficile momento: l'ampliamento di una rete tra donne candidate, trasversale ai partiti e alle liste, insieme alle segretarie di partito, con il sostegno de “La Novità storica” che esisterà e si allargherà anche dopo queste votazioni. La “dissidenza nella lealtà”, una pratica di questa rete, garantisce la possibilità di non essere schiacciate dalle logiche patriarcali che ancora dominano partiti e istituzioni pubbliche.
Annarosa Buttarelli direttrice scientifica Fondazione Scuola di Alta Formazione Donne di Governo

Scarica la lettera
Senato. Il no alla differenza di genere e il caos nei significati e nel linguaggio

Senato. Il no alla differenza di genere e il caos nei significati e nel linguaggio

L'Aula del Senato ha respinto l'emendamento della senatrice Maiorino che chiedeva la possibilità di adottare la differenza di genere nella comunicazione istituzionale scritta.
L'emendamento prevedeva che il "Consiglio di presidenza stabilisce i criteri generali affinché nella comunicazione istituzionale e nell'attività dell'amministrazione sia assicurato il rispetto della distinzione di genere nel linguaggio attraverso l'adozione di formule e terminologie che prevedano la presenza di ambedue i generi attraverso le relative distinzioni morfologiche, ovvero evitando l'utilizzo di un unico genere nell'identificazione di funzioni e ruoli, nel rispetto del principio della parità tra uomini e donne". Inoltre le proposte di adeguamento del testo sarebbero passate al vaglio della Giunta per il regolamento. (Ansa, 27 luglio 2022)

Ricevi tutti gli
aggiornamenti!

È possibile annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento nel footer delle nostre mail. Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing. Cliccando per iscriverti, accetti che le tue informazioni saranno trasferite a Mailchimp per l'elaborazione. Scopri di più sulle pratiche sulla privacy di Mailchimp.

Scuola Alta Formazione Donne di Governo


L'unica istituzione femminile dedicata a una nuova formazione, che offre a tutti e a tutte la possibilità di realizzare un cambio di civiltà nei vari aspetti del cammino umano: scuola, cultura, economia, famiglie, arti, scienze.

Seguici su